domenica 7 febbraio 2010

Avvinta come l'edera...


L'edera
Tranquillo Cremona

L'altro giorno canticchiavo la canzone di Nilla Pizzi, e mi sono chiesta se "avvinto" avesse qualcosa a che fare con "ha vinto". (Ogni tanto il mio cervello fa associazioni d'idee un tantino azzardate...)
Poi mi sono ricordata che in latino ci sono due verbi, vinco e vincio, molto simili se non fossero di diversa coniugazione. Il primo significa vincere, il secondo legare. Da vincio derivano in italiano avvincente e vincolo. (Eh, il latino al liceo scientifico serve a formarti la mente... ci dicevano...)

Ma se "avvincente" significa "che avvince, che lega", allora un film avvincente è uno che ti tiene legato alla poltrona, ed un romanzo può essere "avvincente come l'edera"... O_o Immagino i tralci d'edera che escono dal libro e ti circondano legandoti come un salame (un po' fogliuto) o.O Capperi mi piacerebbe disegnare questa cosa... sarebbe carina per un segnalibro o un biglietto d'auguri quando regali un romanzo!

Altra curiosità è la somiglianza di due verbi che non hanno nulla in comune. Chissà se ce ne sono anche in italiano? Ma sì, c'è salare e salire... e poi... vi va di giocare a trovarne degli altri? ^o^

2 commenti: