venerdì 20 maggio 2011

Tovaglioli a punto Caterina de' Medici

Un giorno (forse diversi anni fa) mia mamma mi mostrò una tovaglia con tovaglioli, con un ricamo non finito. Le era stata data da una cugina che l'aveva trovata in una qualche vecchia cassapanca della casa in montagna... Mia mamma non aveva intenzione di finirla, e ha chiesto a me se mi interessasse: inutile tenerla in un cassetto così, o la si finisce o tanto vale riutilizzare il tessuto!

Il lavoro mi sembrava molto lungo, le tovaglie mi mettono sempre in soggezione, sono grandi e c'è parecchio da fare... Sapevo di trovarmi di fronte ad un lavoro-che-non-finisce-mai, questo poi ci ha messo più di una generazione! Volevo davvero prendermi una grana del genere?
Beh, ho pensato, casomai lo lascio in eredità a qualcun altro che lo finirà per me e per chi mi ha preceduta! :D

Intanto, visto che mi sembrava un lavoro più abbordabile ho cominciato a fare i tovaglioli. Alcuni erano già ricamati, altri lo erano in parte, altri ancora avvevano solo l'orlo a giorno. Ci ho messo degli anni, anche perché li ho lasciati a lungo in sospeso, ma almeno quelli ora sono finiti! Questa è una foto, tanto per dare un'idea del lavoro... avrei però dovuto stirare i tovaglioli prima di fotografarli! >_<

Il ricamo, a punto Caterina de' Medici (altrimenti detto punto Madama), è in cotone perlé bianco su tela di lino azzurra. Il punto in sè sarebbe molto facile, ma per ognuno dei motivi ci metto quasi mezz'ora perché devo perdere tempo sia a contare i fili del tessuto sia per controllare, nel giro di ritorno, di non passare attraverso il filo dell'andata dividendone le fibre!

La meraviglia di questo punto è che è identico sui due lati del lavoro, il che lo rende perfetto per le tende del pian terreno :) L'unico limite all'effetto double-face è nel fissaggio del filo: se non posso fare nodi né passare sotto i punti già fatti (perché comunque si vede), come posso fare per rendere il rovescio perfetto come il dritto? Per la tovaglia non mi importa, ha un solo lato in vista; per i tovaglioli ho limitato il danno passando il filo dentro alla piegatura dell'orlo (anche se chi li ha cominciati non si è preoccupato e ha fatto dei gran bei nodi e fissaggi vistosi anche per l'orlo a giorno); ma se veramente volessi fare delle tende o una sciarpa o simili, come potrei fare?

Ora ho messo da parte i tovaglioli, sto ricamando altro e la tovaglia aspetterà ancora un po', da bravo lavoro-che-non-finisce-mai.
Considero questo ricamo come una specie di tradizione di famiglia, che quindi contiene tutto l'affetto che una persona riceve dai suoi genitori e nonni e riversa poi sui figli e nipoti.
Chissà chi ha cominciato quella tovaglia? Come mai non l'avrà finita? Non mi è dato sapere. Purtroppo, la persona che ce l'ha data non ha raccontato la storia a mia mamma (che invece ama le vecchie cose e si ricorda con affetto di chi le usava). Spero che, se non riuscirò a terminare il ricamo, qualcuno lo porterà avanti... e che possa leggerne la storia qui, nel caso io non riuscissi a raccontargliela :)

4 commenti:

  1. accidenti!
    anche in casa mia girano pezzi di corredi mai finiti, solo che mia mamma, che odia le cose lasciate a metà, si è tirata su le maniche e li ha terminati...
    lei però non ama molto ricamare, così ha orlato tutto a macchina e per i pezzi per i quali ne valeva la pena, ha bordato il tutto con cappette all'uncinetto; ha poi utilizzato anche balze ricamate di altre lenzuola vecchie di casa come guarnizione (perfetto esempio di ricreo-riciclo-riuso).
    non conosco il punto madama, ma se ho capito bene dalle descrizioni che ho trovato googlando, forse potresti fare una microfilza (leggi: piccoli punti mooolto ravvicinati) sotto il primo e l'ultimo punto...

    RispondiElimina
  2. Uhm, proverò... Anche se un punto è lungo solo 4 fili e penso che mi toccherà passare sotto anche al secondo, altrimenti ho paura che con l'uso possa sfilarsi o allentarsi.

    Riguardo al sistema adottato da tua mamma: purtroppo non sempre è possibile evitare il ricamo... Quando hai un disegno fatto per la maggior parte, ma che si vede lontano un miglio che ne manca un pezzo, ti tocca finirlo... toglierlo sarebbe ancora più rognoso!

    Se non avessi voluto finire il ricamo, mia madre avrebbe tagliato la tovaglia in due per il lungo, usato la parte completamente ricamata come una striscia da tavola o una bordura per qualcosa, la parte non ricamata sarebbe stata archiviata per usi futuri, e la parte ricamata parzialmente si poteva anche farne stracci per la polvere >_<

    RispondiElimina
  3. molto molto bello e delicato!!!!

    RispondiElimina
  4. Muy interesante, especialmente que la creadora de este punto sea Catalina de Médici.
    Un saludo desde Barcelona

    RispondiElimina